Fly Diaries, Mamma

L’ESSENZIALE E’ VISIBILE AGLI OCCHI

20 dicembre 2012
Qualcuno dice che tra poco più di un giorno forse tutto finirà.
Per quanto mi riguarda, non mi sento pronta per la preparazione delle valige per le vacanze di Natale, figuriamoci per quelle  della fine del mondo. Il tutto richiede troppa organizzazione ed una razionalizzazione estrema. Non ho nè una dispensa alimentare nè un bunker dove rifugiarmi, tuttavia potrei dire che mi sento in qualche modo coperta. Con le ultime offerte Pampers dell’Esselunga adesso in casa ci sono circa 500 pannolini, che stando alla media giornaliera e ad eventuali extra, dovrebbero soddisfare ogni desiderio delle pupe fino al 1 febbraio. Per il bene di prima necessità butta ugualmente bene. Da ieri ci sono in casa 20 scatole da 450 gr di latte in polvere recuperato con uno sconto 50%, che ho scoperto avere di diritto dal Sig. Humanas in quanto di mamma di gemelli.
Così se la latteria che è in me ad un tratto dovesse interrompere la produzione noi sopravviveremo grosso modo fino al 1 febbraio bevendo tutti  latte in polvere. In ogni caso se qualcuno premesse veramente l’interruttore ed iniziasse  così il cortocircuito e noi ci trovassimo catapultati in una situazione simile a quella raccontata in The Road, allora vorrà dire lo svezzamento verrà rinviato di almeno 8 anni.
In caso di OFF, la cosa che mi farebbe più rabbia è di non aver fatto vedere alle mie piccole il mare. Certo, un’inondazione potrebbe magari raggiungere anche la gran Milan, ma vedere quel mare non sarebbe di certo la stessa cosa.

Parlo  delle piccole conchiglie sulla spiaggia da raccogliere d’inverno e dei mosconi di salvataggio abbandonati. Mi riferisco ai disegni sulla riva che vengono cancellati da un onda qualche istante dopo e al rumore dei gabbiani. Parlo del sole caldo che ti fa sentire libero e della sabbia che  ti ritrovi addosso e che rimane per giorni nelle tue scarpe. Parlo dell’odore di salsedine.

Non vedo il mare da 6 mesi e questo non era mai successo prima nella mia vita. Mi manca da morire. Tra una settimana (se tutto va bene) andremo a Pescara, ed io non stò più nella pelle. La macchina sarà carica con oggetti incastrati ovunque. Primo vero viaggio nella family car. Questa cosa mi da da sensazione che siete diventate veramente grandi perchè andarsene in giro è veramente una cosa da signorine!

Proprio oggi sono 3 mesi di vita insieme. Adesso sorridete e vi guardate le mani, fissate le vostre dita affusolate con le quali già fate (spero involontariamente) un sacco di gestacci. Ad Emma piacciono molto anche le mani della sorella, mentre Nina a dire il vero, preferisce avere in bocca il suo pugno. Vi ho comprato dei collant rossi che indossati vi trasformano in delle vere bambole. I vostri occhi sono ancora un misto tra il celeste ed il verde macchiati con una punta di marrone. Ridete nel sonno e rompete sempre il nostro sonno. Siete buffe, siete dolci e mai nessuna al mondo mi ha fatto sentire così speciale nell’arte canora. Non mi vergogno e canto per voi a squarcia gola, e mi sento pure intonata. Ho rispolverato tutte le le sigle dei cartoni della mia infanzia, scoprendo di avere ben impressa Favilandia 4, 5 e pure il volume 6.

Potrebbe anche finire tutto adesso, ok ci stà, ma starei al gioco con la consapevolezza che  l’essenziale finalmente è visibile ai miei occhi e non ci sono limiti a niente : nè all’amore, nè alla  pazienza, nè alla felicità.

 

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Nonsense 20 dicembre 2012 at 20:00

    ok, sono ufficialmente commossa.<br />ma quanto scrivi bene!!

    • Reply Fly Mamy 20 dicembre 2012 at 20:17

      grazieee mille…molto dolce e gentile!<br /><br />

    Leave a Reply