Fly Diaries

HO IMPARATO

16 marzo 2014

Mi sono ritrovata a pranzo con un’altra coppia di gemellini nati neanche un mese prima delle pupe. Adele e Riccardo si somigliano molto, la loro mamma ed il loro papà somigliano a noi.

Come in uno specchio.
 
Non devi dire e spiegare nulla. Non servono i racconti e gli aneddoti. Non serve raccontare cose eccezionali o pillole di routine. La vita da genitore gemellare come la giri la giri è un delirio. Non puoi spiegarlo davvero bene a chi non lo vive, perchè per spirito di conservazione si cerca di tirarsi su, più che giù. L’autocommiserazione non funziona, non piace.Il vero “trait d’union”: pronunciare più volte (da ambo lati) che realmente adesso tutto sembra facile e che
rispetto al prima, ora si viaggia a cavallo e non siamo più noi i poveri cavalli.

E’ proprio vero, dopo i 12 mesi, dopo i primi passi, dopo i primi denti, dopo le prime notti tutte di fila, ed in simultanea, tutto il resto è noia, è passato, è già archivio. Quindi non mi venite a dire che il peggio deve ancora accadere perché io sarò V per vendetta allora.

Prima bisognava riempire l’agenda ed inventarsene di ogni. Poca voglia di stare a casa e bisogno costante di nuovi stimoli. Bisognava esserci, farne parte, vivere. Quanto tempo meravigliosamente frivolo ho consumato. Figata, si ma questo è il presente con ore da domare, equilibri da preservare e piccole che hanno bisogno di solo amore. Dimenticavo: attenzione, dedizione, canzoncine, salti, animali, storielle, giochi diversi ogni 3 minuti.

Dall’essere genitore ho imparato che ci sono loro prima di tutto.
Dall’essere mamma twins ho appreso che solo chi è come te può capirti. lo so, è a tratti un concetto assoluto, ma assicuro essere terribilmente vero.

Gli altri (amici non me ne vogliate) possono provarci ma comunque prenderanno una posizione: penseranno che sei un’eroina o che tu sia solo esagerata. Bhè nessuna delle due risposte è quella giusta! Siamo solo sopravvissuti ad un mondo doppio che è il più bello e ricco di tutti non c’è nessun dubbio ma è un trip a dir poco allucinante salvo che tu sia Angelina Jolie e tuo marito Brad Pitt.

Nessuna lista do & don’t per me, ma un urlo all’alzate in alto le mani ed i calici mamme e papà doppi perchè io vi voglio bene.E’ vero! Mi appassiono alle foto, ai commenti sui social, ad uno status impazzito di chi ne ha due e come me fa una staffetta ogni giorno destreggiandosi in questa vita tra famiglia e lavoro.

Ho imparato a riconoscermi.

E’ una sensazione nuova, ne sono fiera.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply