Fly Diaries

SAPORE DI MARE E DI RISO AL POMODORO

11 agosto 2016

Tutti i ricordi hanno un sapore. Ripenso alla mia infanzia, alle infinite giornate al mare e ai pranzi sotto l’ombrellone. Passato, presente e riso al pomodoro.  E i vostri ricordi di cosa sanno?

Sono cresciuta negli anni ’80 in Abruzzo. I miei inverni profumavano di  pizzette tonde, piccole e morbide, panose e con solo il pomodoro. Le incartavano in una carta leggera che faceva uscire un profumo incredibile da sotto il banco. Sono cresciuta al mare, e così da giugno ad agosto la mia vita  prendeva un sapore di salsedine e di pranzi sotto l’ombrellone.

Vivevamo al di la della strada,  a 5 minuti dallo stabilimento  ma noi eravamo sempre in spiaggia, dalla mattina a sera. In pochi si fermavano tutto il giorno perchè quasi tutti avevano un  appartamento li vicino e preferivano sedersi in maniera ordinata e ritagliarsi il giusto rituale con una tavola apparecchiata e la tele di sottofondo. Per me era diverso, mia mamma era davvero giovane (neanche trentanni quando io ne avevo 7) e non aveva alcuna costrizione dall’aria familiare. Amava stare al mare con me e vivere l’estate con leggerezza. Preparava a volte un panino, altre un’insalata di riso, oppure una pasta fredda o una caprese. Pranzare significava per noi avere la sabbia sotto i piedi ed una gran fame dopo gli infiniti bagni della giornata.

flymamy-ricordi-riso-al-pomodoro-7

Sono trascorsi 30 anni e le cose non sono cambiate. Usciamo la mattina e rientriamo il pomeriggio tardi, dopo la nanna, l’ennesimo bagno, il gelato e gli ultimi castelli. Da quando siamo qui  al mare abbiamo sempre mangiato in spiaggia: ora più organizzati, ora meno, ora alle 11.45 ora alle 2…Con la salsedine addosso ed i costumi spesso bagnati. In tre o in tanti, ispirati dal momento, dagli ingredienti del frigo e dalla spesa del giorno.

flymamy-ricordi-riso-al-pomodoro

Il piacere di non dover  abbandonare tutto per tornare a casa, farsi una doccia, cambiare luce, preparare mangiare e sedersi trionfa sempre. Per me il cibo è semplicità e non solo nella sua essenza e sapore, ma anche nel modo di essere consumato.Basta un po’ di organizzazione mattutina nella preparazione, un thermos, un’ombra sopra la testa per proteggersi ed è fatta.  Il piatto di ieri servito per tutti i commensali sul lettino ad esempio era semplicissimo ed è in assoluto il preferito di quest’anno delle piccole. Lo era anche il mio a dire il vero nei mitici anni ’80…

E così il passato e quel sapore di mare e riso al pomodoro tornano nel presente. 

  • Olio, cipolla fresca e pomodoro in bottiglia (quello della contadina, fatto l’estate prima e messo nella bottiglia di Birra)
  • Un pizzico di sale e un goccino di latte come faceva mia nonna Edvige, di Varsavia (era il suo segreto)
  • Il sugo cuoce lento…L’acqua intanto bolle,  e poi arriva il riso.
  • Qualche foglia di basilico fresco sopra un riso inondato di sugo che così non rimarrà mai asciutto.

flymamy-ricordi-riso-al-pomodoro-3-jpg

flymamy-ricordi-riso-al-pomodoro-4jpg

Il coperchio del contenitore di plastica continuerà a tenere caldo il riso rendendolo un po’ polpettoso (cosa che i bimbi amano da matti, così come mangiarlo in un bicchiere di plastica che verrà riempito tante e tante volte)

flymamy-ricordi-risol-al-pomodoro-8

flymamy-ricordi-riso-al-pomodoro-6

Grazie a Riso Gallo, per avermi chiesto di guardare indietro nei miei ricordi e raccontarti la mia storia…

flymamy-ricordi-riso-al-pomodoro-5

flymamy-ricordi-riso-al-pomodoro-4i

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply