Mamma

LA MAMMA DETESTA GENNAIO? ECCO 10 RAGIONI

29 gennaio 2015

Non ho nulla di personale contro GENNAIO che sia chiaro…

Nessuno scheletro nell’armadio, nè inconsce avversità… Ma c’è qualcosa che mi sfinisce, mi svilisce in lui e mi fa desiderare tanto che la pagina del mio calendario non abbia più quel delicato viso di donna, ritratto da Bernd Vogel che da un mese mi tiene compagnia al fianco della determinata Frida.

Analizzo meglio la situazione per capire.

10 motivi affiorano in maniera immediata.

Appello per voi che leggete: esagerazione oppure c’è qualcosa di vero in questo sfogo?

1. LE LISTE DEI BUONI PROPOSITI FATTI AD INIZIO GENNAIO TEMO PORTINO SFIGA. Mi verrebbe da dire che erano meglio i calendari dell’avvento. I buoni propositi vanno stilati con le dovute precauzioni: ovvero facendo le corna ed incrociando le gambe. La troppo motivazione finisce per demotivarsi da sola al primo intoppo oppure davanti ai tanti obiettivi che si intrecciano su una “TO DO LIST..” Ed andiamo al punto 2…

2. INIZIARE L’ANNO CON UNA DIETA DEPRIME TROPPO. 
“Ciao sono Alessia e sono in detox da due settimane!. ”
Ok non sono più la ragazza con il panettone in mano che si aggirava sotto l’albero. Sarò pure un po’ più sgonfia ma il risultato è che dieta = fame = poche energie.
Sono inoltre ufficialmente molto più plasmabile ed abbindolabile da qualsiasi visione alimentare new style: no latte, no carne, no glucosio, no carboidrati. Praticamente nella mia testa dovremmo vivere d’aria da questo mese in avanti. Insomma a dirla tutta mi piacevo di più nella versione “tutto è concesso”. Più spensierata e ufficialmente di buon umore.

3. ISCRIVERSI IN PALESTRA LA PRIMA SETTIMANA DELL’ANNO E’ DA PAZZI. Iniziare a crederci vuole dire in realtà ripetere il mantra “chi me l’ha fatto fare…chi me l’ha fatto fare” prima e “ce la posso fare…ce la posso fare” il giorno dopo. (soprattutto se sposiamo il punto 2 e siamo vittime involontarie anche del prossimo)

4. FA FREDDO PUNTO E BASTA. Tutto è ufficialmente più complesso.

5. LA RIPRESA A RITMO NORMALE E’ UN ILLUSORIO ALLEGGERIMENTO
Tutti noi genitori (non mentite!) dal 4 del mese non vediamo effettivamente l’ora che riparta il lavoro, l’asilo,  e tutte quelle dinamiche composte da supporto nonne e tate. Purtroppo siamo persone terribili (in particolare i genitori di gemelli) non abituate a stare sempre con i nostri figli per oltre 48 h e per quanto amiamo diventare tuttuno con loro, dopo un po’ siamo ridotti a brandelli ed il lavoro è l’unica salvezza.  La questione però tende a complicarsi perchè a gennaio entra statisticamente  in campo quel
“germe assassino” che manda presto al diavolo il “ritmo normale”e ci fa tornare ad essere genitori dal taglio “sfinito”.

6. I SALDI DISTRUGGONO FAMIGLIE. Anche se le mamme si prometto di essere oculate, finiamo sempre nella trappola dei saldi e del tutto a sottocosto. E così varcata la soglia della metà del mese anche il nostro portafoglio andrà in detox per espiare tutti i peccati.

7. VITTIMISMO DA AGENDA APPENA COMPRATA. L’agenda bianca del nuovo anno che si riempie svela sempre di più il fatto che  vita famigliare e lavoro hanno gli stessi diritti e spazi: recap di cose da fare e progetti si mischiano a note dal sapore mammone come “chiama pediatra, recupera password per iscrizione all’asilo, fai iscrizione, fai questo, quell’altro”.  Rifletto inevitabilmente su un aspetto:  Io  da mamma lavoratrice, vado in ufficio ma trovo ovviamente il tempo per occuparmi di tutti gli aspetti legati alla famiglia che incombono sempre di più sulla mia agenda. Mi chiedo se queste considerazioni si accavallano anche nella testa di un papà…Temo di no.

8.  BISOGNO DI CAMBIARE LOOK. Non lo so cosa ci prenda a noi donne ma a gennaio la crisi di identità  parte di sicuro. Sono certa che se facessi un’indagine sugli introiti dei parrucchieri questo mese, il dato confermerebbe la mia teoria. La crisi da look emerge ancora di più nelle mamme. Non posso spiegarvi con certezza il perchè ma penso che sia correlato al bisogno di fare qualcosa ( e subito) e vedere quindi un risultato entro 3 h di attesa… visto che i punti 2 -3 di questa lista isterica non sono così immediati da raggiungere.

9. LA BELLA VITA SFINISCE.  Dopo aver trascorso complicità e momenti di pace e orari più elastici, noi mamme prese dal bisogno di riappropriazione di spazi cerchiamo mentalmente di perseguire per la strada della “bella vita”. Buoni propositi anche qui della serie: qualche uscita romantica, quanche fuga separata con gli amici, film da vedere, nuove serie e chiacchierate fino a tardi…ok stupendo ma che ne resta del tuo crollo da mamma delle 9.50 pm fissa sul divano? Che ne resta delle tue ore di sonno fondamentali? Anche il piacere ti si ritorcera’ conto… perchè ricorda che tu sei una mamma e se non dormi scleri!

10  DURA TROPPO. LA PERCEZIONE E’ CHE SI ENTRI IN UN LOOP. 
31 giorni sono troppi.  5 settimane non passano soprattutto dopo che si arriva da un periodo dove infondo è sempre sabato.  La sensazione che si avverte è un po’ come nel film “Ricomincio da Capo” con Bill Murray: ogni giorno è sempre il giorno della marmotta, la radio trasmette sempre lo  stesso brano musicale e  gli eventi si ripetono esattamente uguali…ovvio in realtà è una sensazione che un genitore prova spesso, ma gennaio sembra sbattertela in faccia con più enfasi.

Comunque ci siamo quasi: Febbraio è alle porte, dura solo 28 giorni e tra S.Valentino ed il Carnevale, ha un sapore di amore, colore e confusione. Potremmo dichiarare che mancano solo 6 mesi alle ferie estive, che la primavera è alle porte, che non fa più così freddo, che ci si ammala meno, che l’acido lattico sembra stare di più al suo posto, che la dieta inizia a dare i risultati e che fa buio un attimo dopo.

Insomma… Ci sono già 7 buoni motivi per vederla diversamente e non farsi divorare dalle proprie fissazioni.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply