Mamma

HO SOLO SONNO: CONFESSIONI CON SBADIGLIO

1 novembre 2015

Se avete analizzato il vostro problema. Individuato la causa e trovato anche la soluzione…Questo è il post che fa per voi. Se avete delle occhiaie e siete rimbambite allora mi capirete appieno. Essere mamma significa tante cose stupende ma anche altre. Le ho iniziate ad analizzare mentre sbadigliavo. 

Non so voi ma io ogni tanto penso che più il mio curriculum vitae da mamma cresce più io divento un po’ stronza. Sono a quota solo 3 anni ed onestamente temo di essere un po’cambiata rispetto a prima. Che non centra con l’essere più matura, perchè dai non ci sono abissi tra i 32 ed i 35 e non voglio assolutamente pensarla così. E’ una cosa correlata a con questo status con prole. Ma non c’entrano loro direttamente. E semplicemente tutta colpa del sonno. Del troppo sonno che manca.

Se non dormi i neuroni vagano a caso. L’umore cambia velocemente, Up and Down. Corse e defaticamenti. Da zero a 100 in un attimo. I primi 3 anni sono stati questi. Ovviamente non dico che sono 3 anni che non dormo, perchè sarebbe eccessivo, ma che dormo male si. Mai una notte senza un risveglio, mai. All’inizio erano 9..10, poi sono scesi,  ma mai sotto i 5. Le cose sono migliorate apparentemente ma con l’arrivo tardivo e violento dei dentini siamo tornati punto a capo. Le cose vanno meglio, ma ti dicono che è il momento di togliergli il ciuccio. Lo fai e sei fregata di nuovo. La situazione migliora, ma ti dicono che è arrivato il momento di togliergli il pannolino. E così in un attivo piombi ai tempi d’oro: minimo 6 risvegli a notte. Poi una volta  finito il delirio del pannolino entra in campo la mammosità post inizio asilo. Superata quella arriva la tosse, e poi la febbre, e di nuovo qualcos’altro.

In tutto ciò a raccontare di te al mondo ci pensano le tue occhiaie. Diventi amica di un contorno occhi e pensi di darti seriamente all’ossigeno attivo come Madonna. Non sei invecchiata ragazza, sei solo stanca. Ad un tratto però smetti anche di avere sonno. Provi solo una sensazione di abbiocco e spossatezza. Sei un po’ nervosa. Lui è stanco e a sua detta più di te. Perchè se sono tutti nel letto, lui finisce ad occupare il divano e come vuoi che dorma… Sogno anchio di occupare un divano.

L’indomani sei sempre più stanca, fai le solite  1287 cose facendo finta di niente. Capita che ti lasci andare e così di fronte al più banale e scanzonato dei “ciao come va?” ti apri al mondo e così diventi pure lamentosa. Forse ti stai giustificando. Forse vorresti che ti lascino in pace. L’insonnia è moda, l’avere sonno è una condanna.

Un paio di settimane fa una mattina (dopo essermi anche truccata) sono andata a fare delle fototessera ad una macchinetta. Avevo in progetto una nuova carta di identità. Ecco, volevo morire. Ho visto uscire 8 simil me sfinite e segnate. Non sapevo di stare così a pezzi fino a quando mi sono vista.  Non ero solo stanca, ero come finita in una centrifuga, una taglia in meno e dieci anni più. Quelle foto sono state archiviate e presto gli farò dei baffetti alla Dalì o sopracciglia alla Elio. Per ora le ho desaturate, contrastate, e mi sono messa pure una maschera di bellezza come si deve.

Incrocio le dita per questa sera sperando che le piccole Killers ci diano tregua prima o poi o che una nonna acquisti il coraggio e le inviti a dormire da lei (entrambe). Passo e chiudo.

Flymamy stronza ed assonnata.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply